7 abitudini quotidiane che danneggiano la nostra salute

Copyright Il Sentiero.net

Abitudini quotidiane

Adottare uno stile di vita sano è importante non solo per mantenersi in forma e sani nel presente, ma anche per ritardare l’insorgenza di malattie e dolori vari durante la vecchiaia.
Alcuni stili di vita, che si sono convertiti in abitudini quotidiane e che consideriamo sane, nascondono in realtà delle insidie a danno della nostra salute.

Andiamo a scoprire quali sono le 8 cattive abitudini che sembrano salutari, ma non lo sono affatto e che dovremmo cercare di evitare.

Bere succhi di frutta
In genere il succo di frutta è un prodotto associato a qualcosa di sano e genuino. In realtà non è così. Per riempire i bicchieri di solito utilizzati per servire frullati, viene impiegata una quantità maggiore di uno stesso frutto, più di quanto se ne mangerebbe normalmente. Ciò può causare problemi se si è sensibili agli zuccheri della frutta. Nei succhi di frutta il contenuto di zuccheri può essere pari o addirittura superiore a quello di qualsiasi bibita gassata.

Indossare pantaloni troppo stretti
I jeans stretti sono un capo d’abbigliamento molto popolare, una tendenza di moda che sembra non voler tramontare. Risultano attraenti e slanciano la figura, ma causano innumerevoli problemi alla salute. Potreste infatti avere problemi di circolazione con conseguente comparsa di varici. Inoltre contribuiscono alla comparsa della cellulite, poiché, ostacolando la corretta circolazione del sangue, fomentano lo sviluppo di noduli adiposi nei muscoli. Possono anche essere la causa di dolori lombari e cervicali: indossare indumenti che non permettono libertà di movimento, sovraccarica alcuni muscoli e porta le vertebre a compiere uno sforzo maggiore rispetto a quello che fanno di solito.

Lavarsi i denti subito dopo i pasti
Lavare i denti è sicuramente una buona abitudine. Ciò che però non si dovrebbe assolutamente fare è lavarli subito dopo i pasti. Dopo aver mangiato occorre aspettare almeno trenta minuti prima di armarsi di dentifricio e spazzolino, questo perché alcuni alimenti rilasciano degli acidi che agiscono sullo smalto e sullo strato inferiore dei denti. Lavarsi i denti prima che siano passati i 30 minuti, significherebbe far penetrare più facilmente e più fondo questi acidi.

Usare lo smartphone prima di andare a dormire
Secondo una ricerca scientifica condotta dall’università dell’Illinois, la luce blu dello smartphone, prima di andare a dormire, provoca gravi danni alla salute. In particolare influenza la produzione di melatonina, ossia l’ormone del sonno. Una carenza di questa sostanza peggiora la qualità del riposo. Sarebbe buona abitudine ridurre l’esposizione agli schermi luminosi e agli stimoli sonori almeno mezz’ora prima di andare a letto. Inoltre, per stimolare la mente e favorire il sonno, è meglio affidarsi alla lettura di un libro di carta.

Indossare il profumo
Alcuni profumi contengono formule alcoliche potenzialmente dannose per la salute. Molti dei loro componenti sono cancerogeni o altrimenti tossici. Quasi tutte le sostanze presenti nella loro composizione sono sintetiche e non naturali. I sintomi riportati sono emicrania, capogiri, eruzioni cutanee, tosse, vomito e reazioni allergiche della pelle. E’ stato dimostrato che l’esposizione a certe fragranze può avere effetti sul sistema nervoso centrale, causando depressione, iperattività, irritabilità e altri cambiamenti del comportamento. Se soffrite spesso mal di testa o nausea, provate a non usare il profumo per un po’ di tempo o optate per profumi naturali.

Usare prodotti antibatterici
La FDA (Food and Drug Administration) ha recentemente affermato che “i saponi antibatterici non apportano alcun beneficio aggiuntivo relativo alla prevenzione di malattie rispetto a una regolare pulizia effettuata con acqua e sapone tradizionale”. I prodotti antibatterici contengono inoltre ingredienti chimici pericolosi sia per la salute che per l’ambiente, come il triclosan e il triclocarban. Secondo altre ricerche i rischi relazionati all’uso quotidiano e a lungo termine dei saponi antibatterici sono maggiori dei benefici da essi apportati. Alcuni composti nocivi presenti in questi detergenti possono contribuire allo sviluppo di una resistenza batterica e antibiotica e quindi creare squilibri a livello ormonale e non solo. Questi saponi andrebbero usati non più di due volte a settimana.

Trattenere gli starnuti
Non consiglio la soppressione di uno starnuto con qualsiasi metodo, sia pizzicando il naso o starnutendo consapevolmente a gola chiusa”, ha dichiarato sulle pagine di Life’s little mysteries il dottor Alan Wild, medico chirurgo e professore di otorinolaringoiatria presso la Scuola di Medicina dell’Università di Sant Lluis. Trattenere uno starnuto non è affatto una buona abitudine. Bloccandolo si potrebbe andare incontro a tutta una serie di rischi tra cui lesioni al diaframma, rottura di un vaso sanguigno nel bianco degli occhi con conseguente ecchimosi della parte bianca intorno all’iride, ha affermato Wild. Nel momento in cui siamo sul punto di starnutire, aumenta la pressione all’interno del cranio ed ecco perché trattenerci potrebbe causare addirittura la rottura di qualche vaso sanguigno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *