Siete nottambuli? Probabilmente siete affetti dalla mutazione del gene CRY1

Copyright Il Sentiero.net

A pochi di noi piace svegliarsi presto la mattina, per alcune persone rappresenta addirittura uno sforzo sovrumano.

Un recente studio condotto dal Laboratorio di Genetica delle Rockefeller University di New York (USA) ha rilevato che se siete tra coloro che vanno a letto tardi e per i quali è estremamente difficoltoso alzarsi presto (le classiche caratteristiche di un nottambulo), potreste essere affetti da una mutazione genetica che sconvolge il ritmo circadiano.

Il comportamento di un nottambulo viene spesso definito come disturbo da fase ritardata del sonno; il disturbo colpisce una percentuale significativa della popolazione (negli USA il 15%). Si tratta di una sorta di sfasamento dell’orologio biologico interno, “orologio circadiano”, che determina un sonno normale, ma ritardato di due o più ore. Ciò perché nelle persone affette il bisogno di andare a dormire si manifesta molto tardi.

I ricercatori, guidati dall’esperto Michael Young, hanno identificato una mutazione genetica responsabile dell’alterazione dell’orologio circadiano umano nei nottambuli. Il disturbo da fase ritardata del sonno avrebbe tra i possibili fattori determinanti una mutazione del gene CRY1, ribattezzato col nome “gene dei gufi”.

Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno analizzato il sonno di sei famiglie turche: “analizzando i soggetti affetti da questo ritardo del sonno è stato possibile estrarre la variazione genetica coinvolta nella regolazione dell’orologio circadiano, quello che regola i ritmi sonno/veglia, e di verificare che si tratta inoltre di una variazione genetica ereditaria”, hanno spiegato.

Certo non tutti i nottambuli presentano questa mutazione, in quanto i fattori che possono determinare il disturbo sono diversi; oltre a quelli ambientali, stati depressivi, malattie sistemiche come i disturbi della tiroide, ipertensione arteriosa e scompenso cardiaco cui si uniscono cattive abitudini, ad esempio l’eccessiva assunzione di caffè e alcolici o un’intensa attività intellettuale o motoria prima di andare a dormire.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *